Slide background

La Parrocchia di S. Andrea

Riferimenti, notizie, attività ed eventi

Slide background

La chiesa di S. Andrea

Storia e arte della chiesa parrocchiale

Slide background

La pastorale

Catechesi per giovani ed adulti

Slide background

Liturgia

La parola del giorno, le letture della domenica

Slide background

Millennio MXIII - MMXIII

Celebrato il millennio della chiesa di S. Andrea

La Chiesa è sacramento in Cristo

Orvieto, 24 novembre 2013

Chiesa di S. Andrea e S. Bartolomeo

Cristo è la luce delle genti: questo santo Concilio, adunato nello Spirito Santo, desidera dunque ardentemente, annunciando il Vangelo ad ogni creatura (cfr. Mc 16,15), illuminare tutti gli uomini con la luce del Cristo che risplende sul volto della Chiesa. E siccome la Chiesa è, in Cristo, in qualche modo il sacramento, ossia il segno e lo strumento dell’intima unione con Dio e dell’unità di tutto il genere umano, continuando il tema dei precedenti Concilii, intende con maggiore chiarezza illustrare ai suoi fedeli e al mondo intero la propria natura e la propria missione universale. Le presenti condizioni del mondo rendono più urgente questo dovere della Chiesa, affinché tutti gli uomini, oggi più strettamente congiunti dai vari vincoli sociali, tecnici e culturali, possano anche conseguire la piena unità in Cristo.

 Costituzione Dogmatica sulla Chiesa, LUMEN GENTIUM, 21 novembre 1964,
CAPITOLO I, IL MISTERO DELLA CHIESA

Orario delle SS. Messe

Gli appuntamenti
a S. Andrea

Appuntamenti a S. Andrea

LODI
ore 8.00 (lun-ven), ore 9.00 (sab-dom)

VESPRI
ore 18.00 (lun-ven)

La Parola del giorno

La liturgia delle ore on line

Parole e riflessioni

Liturgia della Parola

VEDI TUTTE LE OMELIE

1 - CHIESA DI S. ANDREA
Paliotto d’altare con stemma della famiglia Timei, XV secolo
2 - CHIESA DI S. ANDREA
Resti di un affresco, rinvenuti all’interno di una
nicchia sulla facciata, raffigurante S. Giuliano,
attribuito alla scuola del Signorelli, XVI secolo.
3 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, S. Cristoforo, XV secolo
1 - CHIESA DI S. ANDREA
Paliotto d’altare con stemma della famiglia Timei, XV secolo
4 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, Madonna in trono con Bambino, XIV secolo
5 - CHIESA DI S. ANDREA
Statua lignea di S. Andrea Apostolo, Mario Martini 1985
6 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, Agiografia di S. Giuliano l’Ospitaliere, attribuito alla scuola del Signorelli, XVI secolo
7 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, S. Giuliano l’Ospitaliere e S. Antonio Abate, attribuito alla scuola del Signorelli, XVI secolo
9 - CHIESA DI S. ANDREA
Acquasantiera, ambito di A. Federighi, 1513
10 - CHIESA DI S. ANDREA
Resti di affreschi, particolare di una cerva – simbolo iconografico di S. Egidio, XIV secolo
11 - CHIESA DI S. ANDREA
Dipinto su tela, Annunciazione, C. Nebbia, 1580
12 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, Madonna con Bambino, S. Marco e committente, attribuito a Pietro di Puccio,
XIV secolo
13- CHIESA DI S. ANDREA
Altare dedicato al SS. Sacramento avente edicola di matrice stilistica
Arnolfiana
14 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, S. Maria delle Grazie, XV secolo
15 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, San Bernardino da Siena, XV secolo
16 - CHIESA DI S. ANDREA
Dipinto su tela, Compianto del Cristo con Vergine
Assunta e Santi, G. Muziano, fine XVI sec.
17 - CHIESA DI S. ANDREA
Crocefisso ligneo, S. V. Ciconte, 1977
18 - CHIESA DI S. ANDREA
Dipinto su tela, Assunzione della Vergine, C. Nebbia
e bottega, XVI secolo.
19 - CHIESA DI S. ANDREA
Edicola sepolcrale della famiglia Magalotti, XIV
secolo derivante dall’influenza stilistica di Arnolfo
di Cambio, composta da un arco acuto trilobato
con pinnacoli, sorretto da colonnine tortili,
poggiante su di un basamento.

Affresco, Madonna con Bambino, S. Andrea e
S. Giovanni Battista; alla sinistra dell'edicola
S. Pietro, XIV secolo.

20 - CHIESA DI S. ANDREA
Cenotafio del beato Stefano Cuordiferro,
databile al XIV secolo
21 - CHIESA DI S. ANDREA
Dipinto su tavola, Madonna con Bambino,
XVIII secolo
22 - CHIESA DI S. ANDREA
Altare ligneo, forse proveniente da altra
chiesa, attribuito a I. Scalza, XVI secolo.
 
Pala d’altare, raffigurante S. Francesco
di Paola, attr. L. Mazzanti, XVIII secolo
25 - CHIESA DI S. ANDREA
Ingresso ai sotterranei
23 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, S. Maria Egiziaca, XIV secolo
Galleria fotografica - Interno della chiesa
[wowslider id="131"]
Galleria fotografica - I sotterranei
Galleria fotografica - Storia e Arte a S. Andrea
[wowslider id="103"]
Galleria fotografica - L'esterno della chiesa
[wowslider id="130"]
Galleria fotografica - Nel corso dei secoli...
[wowslider id="101"]
Celebrazione di chiusura del Giubileo di S. Andrea
Introduzione
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNzIwIiBoZWlnaHQ9IjQwMCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC9zWm5pT0pWd1ZCcz9yZWw9MCIgZnJhbWVib3JkZXI9IjAiIGFsbG93ZnVsbHNjcmVlbj48L2lmcmFtZT4=
Celebrazione di chiusura del Giubileo di S. Andrea
Il Vangelo
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNzIwIiBoZWlnaHQ9IjQwMCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC9JbGl5bWt4MllZdz9saXN0PVBMT1RyVmRBUm0zU2k1Q19MSWVwWXpscUdXRS1QR3IzUHMiIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW4+PC9pZnJhbWU+
Celebrazione di chiusura del Giubileo di S. Andrea
Lettura del Vangelo
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNzIwIiBoZWlnaHQ9IjQwMCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC90VldzRWVScFM3bz9saXN0PVBMT1RyVmRBUm0zU2k1Q19MSWVwWXpscUdXRS1QR3IzUHMiIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW4+PC9pZnJhbWU+
Celebrazione di chiusura del Giubileo di S. Andrea
Orazione di don Luca
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNzIwIiBoZWlnaHQ9IjQwMCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC9TZVFuMldMM2twST9saXN0PVBMT1RyVmRBUm0zU2k1Q19MSWVwWXpscUdXRS1QR3IzUHMiIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW4+PC9pZnJhbWU+
Celebrazione di chiusura del Giubileo di S. Andrea
Visita ai sotterranei - 1
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNzIwIiBoZWlnaHQ9IjQwMCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC94RFFJdHdqQjJuUT9saXN0PVBMT1RyVmRBUm0zU2k1Q19MSWVwWXpscUdXRS1QR3IzUHMiIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW4+PC9pZnJhbWU+
Celebrazione di chiusura del Giubileo di S. Andrea
Visita ai sotterranei - 2
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNzIwIiBoZWlnaHQ9IjQwMCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC96ZkxrVno3THFoST9saXN0PVBMT1RyVmRBUm0zU2k1Q19MSWVwWXpscUdXRS1QR3IzUHMiIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW4+PC9pZnJhbWU+
Celebrazione di chiusura del Giubileo di S. Andrea
La pietra di fondazione
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNzIwIiBoZWlnaHQ9IjQwMCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC80MWF6RC1FUUdPMD9saXN0PVBMT1RyVmRBUm0zU2k1Q19MSWVwWXpscUdXRS1QR3IzUHMiIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW4+PC9pZnJhbWU+
Celebrazione di chiusura del Giubileo di S. Andrea
Il percorso giubilare - 1
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNzIwIiBoZWlnaHQ9IjQwMCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC84ZXp5bzBoWHdobz9saXN0PVBMT1RyVmRBUm0zU2k1Q19MSWVwWXpscUdXRS1QR3IzUHMiIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW4+PC9pZnJhbWU+
Celebrazione di chiusura del Giubileo di S. Andrea
Il percorso giubilare - 2
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNzIwIiBoZWlnaHQ9IjQwMCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC9rUW9RNkZXZ0hwMD9saXN0PVBMT1RyVmRBUm0zU2k1Q19MSWVwWXpscUdXRS1QR3IzUHMiIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW4+PC9pZnJhbWU+
Celebrazione di chiusura del Giubileo di S. Andrea
La Porta Santa
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNzIwIiBoZWlnaHQ9IjQwMCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC94UF94dlFHMktMcz9saXN0PVBMT1RyVmRBUm0zU2k1Q19MSWVwWXpscUdXRS1QR3IzUHMiIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW4+PC9pZnJhbWU+
Celebrazione di chiusura del Giubileo di S. Andrea
Davanti al Corporale
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNzIwIiBoZWlnaHQ9IjQwMCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC9qOHVDdXFndjQ0MD9saXN0PVBMT1RyVmRBUm0zU2k1Q19MSWVwWXpscUdXRS1QR3IzUHMiIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW4+PC9pZnJhbWU+
Celebrazione di chiusura del Giubileo di S. Andrea
La cappella del Corporale
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNzIwIiBoZWlnaHQ9IjQwMCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC9JMjlnbEx0TEMxOD9saXN0PVBMT1RyVmRBUm0zU2k1Q19MSWVwWXpscUdXRS1QR3IzUHMiIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW4+PC9pZnJhbWU+
Celebrazione di chiusura del Giubileo di S. Andrea
La cappella di S. Brizio
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNzIwIiBoZWlnaHQ9IjQwMCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC9YcXdUQzJmYzZIMD9saXN0PVBMT1RyVmRBUm0zU2k1Q19MSWVwWXpscUdXRS1QR3IzUHMiIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW4+PC9pZnJhbWU+
Galleria fotografica - La chiesa di S. Bartolomeo
[wowslider id="133"]
Galleria fotografica - La chiesa di S. Rocco
[wowslider id="111"]
Galleria fotografica - Il restauro degli affreschi absidali di S. Rocco
[wowslider id="113"]
Galleria fotografica - La chiesa di S. Faustino
[wowslider id="114"]
Galleria fotografica - Il complesso della Misericordia
[wowslider id="115"]
Galleria fotografica - L'Oratorio della Misericordia
[wowslider id="116"]
Galleria fotografica - La chiesa di S. Agnese
[wowslider id="122"]
Galleria fotografica - La pala d'altare della Misericordia
[wowslider id="129"]
Intervento di Mons. Arturo Aiello all'assemblea Diocesana 2015
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iMTAwJSIgaGVpZ2h0PSIxMDAlIiBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LnlvdXR1YmUuY29tL2VtYmVkLzRMRjd6TXhqVmZRIiBmcmFtZWJvcmRlcj0iMCIgYWxsb3dmdWxsc2NyZWVuPjwvaWZyYW1lPj9yZWw9MCIgZnJhbWVib3JkZXI9IjAiIGFsbG93ZnVsbHNjcmVlbj48L2lmcmFtZT4=
1 - CHIESA DI S. ANDREA
restauro_slider

box Il restauro dell'abside di S. Rocco

Slide background

box Chiesa di S. Rocco, XVI sec., abside, situazione antecedente al restauro

Slide background

box Chiesa di S. Rocco, XVI sec., cantiere di restauro dell'abside

Slide background

box Chiesa di S. Rocco, XVI sec., saggi di restauro

Slide background

box Chiesa di S. Rocco, XVI sec., l'esecuzione del restauro

Slide background

box Chiesa di S. Rocco, XVI sec., saggi di restauro

Slide background

box Chiesa di S. Rocco, XVI sec., saggi di restauro

Slide background

box Chiesa di S. Rocco, XVI sec., dettaglio degli affreschi absidali

Slide background

box Chiesa di S. Rocco, XVI sec., saggi di restauro

Slide background

box Chiesa di S. Rocco, XVI sec., saggi di restauro

Slide background

box Chiesa di S. Rocco, XVI sec., saggi di restauro

Slide background

box Chiesa di S. Rocco, XVI sec., saggi di restauro

(1) Il sostanziale divario fra la produzione teorica di Giovannoni e i suoi interventi sugli edifici, genericamente attardati su posizioni di stampo ottocentesco, è stato più volte messo in luce; si veda in particolare il contributo di A. DEL BUFALO, Gustavo Giovannoni. Note e osservazioni integrate dalla consultazione dell’archivio presso il Centro di Studi di Storia dell’Architettura, Roma 1982, pp. 197-198 e, da ultimo, il saggio di Claudio Varagnoli in questo stesso volume.
24 - CHIESA DI S. ANDREA
Pulpito. L'interno è composto da lastre in materiale lapideo di pregevole fattura, la prima delle quali, collocata sulla sinistra, presenta una decorazione databile al VIII sec.; le altre tre sono decorate da
motivi iconografici databili al VI
secolo, riconducibili allo stile
ravennate.
La decorazione esterna si compone
di quattro eleganti lastre decorate a
motivi cosmateschi, alternati a
quattro pilastrini, probabilmente
provenienti dall'antica chiesa; stile e manifattura l'opera si avvicina ai maestri marmolai di educazione romana, affini ai Vassalletto e ai Cosmati, del XII secolo.
(2) Nell'archivio del Centro di Studi per La Storia dell'Architettura (CSSAr), oltre a numerose varianti del progetto e ad alcuni schizzi prospettici dello stato di fatto e di progetto (CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. 2, 95/1-15 e 1 foto; cfr. M. CENTOFANTI - G. CIFANI - A. DEL BUFALO, Catalogo dei disegni di Gustavo Giovannoni..., Roma 1985, scheda 95, pp. 176-177; CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. 5, 39; cfr. G. SIMONCINI ET AL. (a cura di), Catalogo generale dei disegni di architettura 1890-1947, Roma 2002, p. 43, nn, 64,65) si conserva anche una cartella non inventariata contenente il carteggio privato relativo al restauro (CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. Orvieto). Al suo interno si trova la prima relazione di restauro: Note di storia e di arte sulla chiesa di S. Andrea. Proposte dell'architetto Comm. Gustavo Giovannoni (Giugno 1919) (ibidem, doc. 7), la corrispondenza diretta al maestro e numerose foto che testimoniano le diverse fasi dei lavori. Una ricca documentazione, spesso complementare alla precedente, èŠ conservata anche all'archivio della Soprintendenza per i Beni Ambientali Architettonici Artistici e Storici dell'Umbria (SBAAASU), si veda da ultimo MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI, Orvieto. Interventi per il consolidamento ed il restauro delle strutture di interesse monumentale e archeologico, 2, Cinisello Balsamo 1996, pp. 21-46. Nell'Archivio di Stato di Terni-sezione di Orvieto (AST-sO) sono conservati diversi documenti riguardanti sia gli scavi, Archivio Corrado Paoloni, che la chiesa ed il suo restauro, Archivio Pericle Perali. Infine all'Archivio Centrale dello Stato (ACS) si conservano due fascicoli contenenti poche notizie sui restauri. Di un certo interesse solo la presenza di una lettera di Giovannoni che attesta la sua consulenza per la realizzazione, nel 1934, di un altare dedicato alla Madonna di Lourdes da collocarsi nel transetto della chiesa (ACS, Ministero della Pubblica Istruzione, Direzione Generale Antichità e Belle Arti, Div. II, 1934-1940, b. 331 [Terni], f. Orvieto - Chiesa di S. Andrea Torre Comunale, lettera datata 23 gennaio 1934, f.ta G. Giovannoni).
(3) La realizzazione del solaio è stata considerata, forse non a torto, l'opera più— interessante condotta da Giovannoni nella chiesa. Di questo intervento si conserva, tra l'altro, una relazione dell'impresa per costruzioni ing. Giuseppe Depanis, datata Roma 22 settembre 1928 con una pianta delle strutture (CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. Orvieto, doc. 64) e diverse foto scattate durante la costruzione, tutte con timbro «Orvieto, ottobre 1928» (ibidem, foto 26-31)
(4) Alcune piante dello scavo realizzato nel 1927-1928 si conservano in CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. 2, 95/1; in SBAAASU (cfr. MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI, Orvieto, cit. in part. p. 24); in AST-sO, Corrado Paoloni, b. 6, f. 70bis. In un articolo relativo al restauro fu pubblicata una foto del pavimento a mosaico rinvenuto nel 1927 (R. PAOLI, I restauri della chiesa di S. Andrea in Orvieto, in "Arte Cristiana", XVII, 1, 1929. pp. 2-7, foto a p. 3), mentre diverse immagini delle strutture etrusche e paleocristiane furono pubblicate da E. ROSATELLI, La Insigne Collegiata dei SS. Bartolomeo e Andrea in Orvieto, in "Bollettino della Deputazione di Storia Patria per l'Umbria", LX, 1963, pp. 5-38. Nel 1968-1970 furono eseguite nuove indagini archeologiche sotto la guida di Michelangelo Cagiano de Azevedo che tuttavia non sono state che parzialmente pubblicate in "La parola del passato", CXLV, 1972, p. 239 ss. Si veda a questo proposito: B. E. KLAKOWIC, Topografia e Storia delle Ricerche Archeologiche in Orvieto e nel suo Contado, Roma 1972-1978, vol. III, in part. p. 151 ss.; Id., Orvieto Antica: Verità e Invenzioni sulle Indagini e sui Problemi, in "Bollettino dell'Istituto Storico Artistico Orvietano", XXXII, 1976 (1979), pp 3-56.
(5) Uno dei primi studi, di carattere prevalentemente storico, risale al 1920: W. VALENTINI, La insigne collegiata dei SS. Bartolomeo e Andrea di Orvieto. Documenti e note, Orvieto 1920. Probabilmente di questo saggio Giovannoni vide sia il manoscritto in corso di pubblicazione sia quanto già pubblicato in "Il Comune", aprile-ottobre 1916, ed a questo attinse per la sua relazione del 1919 (CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. Orvieto, Note di storia e di arte, cit.). Dopo i brevi articoli del 1929, tutti relativi al restauro in corso di completamento (R. PAOLI, I restauri della chiesa di S. Andrea, cit.; P. PERALI, A proposito del restauro della chiesa di S. Andrea in Orvieto, in "Arte Cristiana", XVII, 4, 1929, pp. 123-127; G. GIOVANNONI, Cronaca dei monumenti. Orvieto, in "Architettura e Arti Decorative", VIII, fasc. X (giugno), 1929, pp. 472-476), nel 1969 uscì l'ultimo saggio (anch'esso privo di rilievi) sulle vicende storiche della chiesa che tuttavia attinge a piene mani, senza mai citarlo esplicitamente, al testo di Valentini (E. ROSATELLI, La insigne Collegiata, cit). A parte brevi cenni su diverse guide locali (si veda fra tutte A. SATOLLI, Orvieto. Nuova guida illustrata, Città di Castello 1999, pp. 84-85), il testo pi—ù recente sulla chiesa Šè il frutto della campagna di restauri avviata dalla Soprintendenza a partire dal 1993. Questi hanno riguardato la struttura lignea del tetto, già ricostruito da Giovannoni, il consolidamento degli intonaci, in particolare di quelli realizzati nel 1926 ed il consolidamento della volta della sagrestia, oltre al restauro di numerose opere d'arte (cfr. MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI, Orvieto, cit., pp. 28-38).
(8) La costruzione della facciata nella parte corrispondente alla navata centrale e fino all'altezza del portale, nella cui lunetta dovevano essere collocate delle sculture in terracotta, risulta da un 'istrumento' del 13 febbraio 1487 (ibidem, pp. 121-122). I due fianchi del prospetto e la terminazione tricuspidata, sul modello del duomo, sembra invece risalire alla prima metà del XVII secolo, dopo la demolizione di alcune botteghe addossate alla chiesa dal lato della navata laterale sinistra (ibidem, pp. 133-134). Lo stesso Giovannoni ricorda l'accenno, nel documento del 1487, ad « un certo arcone decorato all'interno ed all'esterno" (CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. Orvieto, Note di storia e di arte, cit., p. 13).
(9) Oltre alle foto scattate poco dopo il rinvenimento, esiste anche una cartolina nella quale Šè indicata sommariamente, con un rapido segno a china, la posizione della lunetta nell'ambito della facciata seicentesca. Le foto dovevano essere allegate ad una lettera inviata a Giovannoni, in data 25 novembre 1927, dal priore don Fumi. Entrambe si conservano in CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. Orvieto. doc. 54 e foto 20-22. Anche la cartolina si trova in ibidem, foto 23. A parte questi documenti non esistono altre informazioni in merito e la ricostruzione della facciata procederà sostanzialmente senza modifiche, almeno in questa zona, rispetto al progetto del 1919. Tuttavia, in risposta ad una nota polemica sulla sua distruzione, apparsa nell'articolo di Perali del 1929 (P. PERALI, A proposito del restauro, cit., p. 125) il podestà di Orvieto così giustificherà l'operato:«La nicchia sulla facciata, [...] sarebbe stata sicuramente mantenuta se il bell'affresco Signorelliano che vi si èŠ rinvenuto non fosse stato ridotto in un tale stato da non potersi pensare di lasciarlo all'aperto, e soprattutto se non vi si fossero opposte quelle medesime ragioni statiche che già da secoli avevano consigliato la chiusura della nicchia stessa.» (CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. Orvieto, lettera inviata dal podestà al direttore della rivista "Arte Cristiana", datata 28 agosto 1929, doc. 71). E' possibile che l'affresco sia stato staccato per essere conservato altrove ma nulla si evince di ciò• nella documentazione conservata presso il Centro di Studi.
(10) La datazione dei disegni èŠ stata possibile nonostante o forse anche grazie all'abitudine di Giovannoni di ipotizzare nuove soluzioni a partire dalla copia di uno stesso originale, modificando di volta in volta solo le parti interessate e tralasciando le altre, così che, nello stesso disegno, convivono spesso soluzioni ormai superate insieme ad altre cronologicamente posteriori. Limitatamente ad alcuni disegni inclusi nel Catalogo dei disegni di Gustavo Giovannoni posso sinteticamente dire che lo schizzo contrassegnato con il numero 2 risale al 1918-1919: le prospettive, la pianta ed il prospetto (rispettivamente c. 2.95/3/4/6 furono probabilmente presentati cori la prima proposta del 1919, mentre la bifora (c. 2, 95/5) era certamente parte integrante di questa, da cui venne staccata a p. 9 (CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. Orvieto. Note di storia e di arte, cit.). Il prospetto (c. 2. 95/8) mostra una variante relativa alla parete del transetto successiva al 1929-1930; il prospetto ed il fianco (catalogati come c. 2, 95/9 e 12) sono invece da riconoscersi nei disegni inviati da Giovannoni nel 1927 per essere esposti in pubblico. Il prospetto (c. 2, 95/10) rappresenta lo stesso progetto del numero 9, forse in una fase di studio realizzata su una copia relativa al primo progetto (il campanile presenta ancora la soluzione del 1919). Infine il prospetto della torre campanaria (c. 2, 95/11) non èŠ probabilmente da attribuire a Giovannoni, bensì alla Soprintendenza che lo invia al professore per chiarimenti, nella fase in cui ancora si pensa a due soli giri di bifore. Esso èŠ a mio avviso da mettere in relazione con il documento conservato in CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. Orvieto, doc. 38, di cui si parlerà in seguito (vedi sotto nota 14).
(11) Di poco precedente la relazione del 1919 (CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. Orvieto, Note di storia e di arte, cit.), deve essere uno schizzo prospettico che prevedeva la realizzazione di un oculo anche in corrispondenza della navata Laterale sinistra. A questa primissima ipotesi, subito abbandonata, si riferisce anche una lettera inviata da Perali a Giovannoni il 27 aprile del 1919 (CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. Orvieto, doc. 11).
(12) Sono numerose le lettere che accennano a questi contrasti e non èŠ un caso quindi, se solo dopo l'ottobre del 1927 - quando Gnoli prenderà un'aspettativa preludio delle dimissioni e verrà sostituito da Achille Bertini Calosso - i lavori procederanno con estrema rapidità.
(13) CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. Orvieto, Note di storia e di arte, cit. p. 10; una esatta visione del progetto del 1919 doveva aversi nei disegni allegati in origine alla relazione che tuttavia, come accennato, è possibile identificare con alcuni di quelli conservati presso il Centro di Studi (vedi sopra nota 10). Le due vedute prospettiche prima e dopo l'intervento sono state pubblicate da A. DEL BUFALO, Gustavo Giovannoni, cit., figg. 231-232; mentre il prospetto Si trova in M. P. SETTE, Il restauro in architettura. Quadro storico, Milano 2001, p. 129.
(14) CSSAr, Fondo G. Giovannoni, C. Orvieto, doc. 38. La relazione, inviata dal soprintendente Gnoli a Giovannoni era accompagnata da quattro allegati, tre dei quali conservati separatamente all'interno della stessa cartella (ibidem, foto 12-14) ed il quarto da identificarsi, quasi certamente, con uno schizzo del campanile custodito fra i disegni di progetto (ibidem, c. 2, 95/11); lo schizzo Šè stato pubblicato da A. DEL BUFALO, Gustavo Giovannoni, cit. fig. 234. Si può• ipotizzare che il disegno sia stato realizzato per la prima volta dalla Soprintendenza stessa. Quindi, come si evince anche dalla relazione, durante un sopralluogo, avvenuto nel luglio del 1926, Giovannoni avrebbe indicato a matita l'altezza delle monofore e quella complessiva della torre, entrambe notevolmente più— alte rispetto al disegno a china. In seguito ai ritrovamenti dell'agosto, sullo stesso disegno furono disegnate, con una china rossa, le bifore e le supposte monofore e venne ulteriormente abbassata la merlatura finale rispetto alla prima ipotesi. Questo disegno, con tutte le modifiche, fu quindi inviato a Giovannoni per l'approvazione finale (ibidem, c. Orvieto. doc. 38).
(16) «Gli avanzi di finestre, ritrovate entro il muro, aderente al palazzo comunale, erano stati, dai soliti interessati, giudicati indiscutibilmente come ruderi di monofore. Avendo per• tali finestre la stessa larghezza delle bifore e lo stesso anello interno ed esterno io affacciavo l'ipotesi che anche esse fossero bifore. Tale ipotesi, naturalmente scartata dai Dirigenti, ieri ha avuto la sua piena ed inoppugnabile conferma nel rinvenimento della parte superiore di dette finestre, consistente negli archetti di eguale apertura e di eguale sviluppo ed altezza di quella del primo  ordine» (ibidem, lettera di don Vincenzo Fumi a Giovannoni datata 1 settembre 1926, doc. 4O).
(15) Ibidem; da notare che questo 'progetto' viene laconicamente accantonato da Giovannoni che risponde di esser certo che il palazzo rimami al suo posto «malgrado tutti i pupazzetti indicanti l'isolamento».
(18) La lettera, datata 2 settembre 1926 e indirizzata a Gnoli, èŠ conservata presso l'archivio della SBAAASU. Una copia di questa mi era stata generosamente offerta, insieme ad altri documenti, dal prof. Gaetano Miarelli Mariani che ricordo con affetto e infinita gratitudine.
(19) CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. Orvieto, lettera di don Vincenzo Fumi datata 31 gennaio 1927, doc. 47. In una lettera di due giorni prima lo stesso priore si domandava: «Allo stato presente il progetto, secondo le indicazioni dateci dalla torre stessa, prevede due ordini di bifore. Se non ch‚é nello scortecciamento della torre stessa si èŠ ritrovato che quelle pietre che formavano angolo del vecchio risarcimento non sono altro che pulvini delle antiche bifore rimasti in opera. Due ordini di bifore riecheggiano 24 pulvini; ora con quelli già messi a posto nelle bifore costruite ne abbiamo 27 e molti altri verranno fuori nella successiva demolizione. Vi sono anche di travertino bianco e di diverse dimensioni. E allora?» (ibidem, lettera di don Vincenzo Fumi datata 29 gennaio 1927, doc. 46).
(21) Secondo Perali il modello in legno del castello, da realizzare poi in ferro, venne rimosso, per ordine del ministro Fedele. Di questo fatto non ho trovato documentazione, mentre numerosi sono i documenti che parlano e mostrano il progetto della struttura.
(30) R. PAOLI, I restauri della chiesa, cit., p. 2. A questo articolo replicherà, con toni piuttosto astiosi, lo storico Pericle Perali. Il suo pamphlet tuttavia, oltre a creare subito indignazione e repliche scritte da parte di tutti coloro che si sentiranno anche indirettamente chiamati in causa, appare come uno sfogo personale, dovuto forse a gelosie e invidie. Lo stesso Perali aveva infatti espresso un vivace apprezzamento per il progetto in una lettera personale inviata a Giovannoni il 27 aprile 1919 (CSSAr, Fondo G. Giorannoni, c. Orvieto, doc. 11). Tra le tante lettere di protesta inviate al direttore della rivista "Arte Cristiana", mons. Giuseppe Polvara, conservate nel carteggio, si può• segnalare quella del podestà di Orvieto, avv. De Benedittis che ribadisce come «L'Amministrazione Comunale di Orvieto, ha, con i suoi larghi contributi, resa possibile questa grandiosa opera di restauro, e non rimpiange davvero i sacrifici fatti. Confortata dal parere concorde di studiosi e di artisti, italiani e stranieri, ritiene che la rinnovata Chiesa di S. Andrea accresce decoro alla città [...]» (CSSAr, Fondo G. Giovannoni, c. Orvieto, lettera datata 28 agosto 1929, doc. 71).
Galleria fotografica - I sotterranei
sbartolomeo-slider

box La chiesa di S. Bartolomeo

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, XIII sec., facciata

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, XIII sec., facciata

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, XIII sec., facciata

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, campanile ed absidiola pensile, XIII sec.

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, antica porta di ingresso con lunetta, XIII sec.

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, XIII sec., finestra

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, XIII sec., assonometria

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, XIII sec., sezione-prospetto dell'absidiola pensile

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, XIII sec., sezione trasversale

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, XIII sec., ingresso

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, XIII sec., veduta interna verso l'altare

Slide background

box Affresco, Madonna della misericordia, S. Gregorio ed il drago, S. Sebastiano, L. Signorelli, XIV sec.

Slide background

box Gesù crocifisso, L. Signorelli, XVI sec.

Slide background

box S. Antonio Abate, Madonna della misericordia, L. Signorelli, XVI sec.

Slide background

box Affresco, S. Barbara, S. Lucia, S. Antonio Abate, L. Signorelli XVI sec.

Slide background

box Fregi degli archi-diaframma, XV sec.

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, nota sull'affresco dell'abside, 6 febbraio 1862

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, ricordo di don Marcello Pettinelli fautore dei restauri

Slide background

box Affresco, S. Bartolomeo (XVI sec), S. Ubaldo vescovo (XVII sec.) , S. Rocco, 1862

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, XIII sec., apertura sul lato Nord-Est

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, XIII sec., nicchia nell'ingresso tamponato nel lato Nord/Est

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, XIII sec., veduta della parete di ingresso con arco-diaframma

Slide background

box Chiesa di S. Bartolomeo, XIII sec., affaccio sull'esterno

Prof.ssa Marina Docci
Marina DocciArchitetto, è professore associato di Restauro architettonico. Dal 2007 insegna presso il Master universitario di II livello in Progettazione architettonica per il recupero dell’edilizia storica e degli spazi pubblici (PARES), “Sapienza” Università di Roma e fa parte del Collegio dei docenti del Corso di Dottorato di Ricerca in Storia e Restauro dell’Architettura, della “Sapienza”. Svolge la propria attività di ricerca nell’ambito della conservazione dei beni architettonici e della storia dell’architettura, con particolare riguardo all’analisi e alla valutazione dei processi di trasformazione della città e delle sue architetture. La sua attenzione si è concentrata su alcune emergenze architettoniche quali San Francesco a Cortona, Sant’Andrea a Orvieto, il castello della Chiocciola nel senese, S. Ivo dei Bretoni e la Casa dei Crescenzi in Roma; particolare interesse è stato rivolto alla basilica di San Paolo fuori le mura a Roma, oggetto di una monografia e di diversi articoli apparsi in periodici e testi specialistici. Negli ultimi tempi ha indagato le nuove prospettive offerte dalle indagini con i laser scanner, in merito allo stato di degrado delle superfici, ha inoltre approfondito le tematiche del recupero del patrimonio industriale e del rapporto fra colore, architettura e contesto urbano. Ha partecipato a numerosi convegni e si è occupata della cura redazionale di volumi che affrontano argomenti di restauro e di storia dell’architettura.
1 - CHIESA DI S. ANDREA
Paliotto d’altare con stemma della famiglia Timei, XV secolo
10 - CHIESA DI S. ANDREA
Resti di affreschi, particolare di una cerva – simbolo iconografico di S. Egidio, XIV secolo
11 - CHIESA DI S. ANDREA
Dipinto su tela, Annunciazione, C. Nebbia, 1580
12 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, Madonna con Bambino, S. Marco e committente, attribuito a Pietro di Puccio,
XIV secolo
13- CHIESA DI S. ANDREA
Altare dedicato al SS. Sacramento avente edicola di matrice stilistica
Arnolfiana
14 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, S. Maria delle Grazie, XV secolo
15 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, San Bernardino da Siena, XV secolo
16 - CHIESA DI S. ANDREA
Dipinto su tela, Compianto del Cristo con Vergine
Assunta e Santi, G. Muziano, fine XVI sec.
17 - CHIESA DI S. ANDREA
Crocefisso ligneo, S. V. Ciconte, 1977
18 - CHIESA DI S. ANDREA
Dipinto su tela, Assunzione della Vergine, C. Nebbia
e bottega, XVI secolo.
19 - CHIESA DI S. ANDREA
Edicola sepolcrale della famiglia Magalotti, XIV
secolo derivante dall’influenza stilistica di Arnolfo
di Cambio, composta da un arco acuto trilobato
con pinnacoli, sorretto da colonnine tortili,
poggiante su di un basamento.

Affresco, Madonna con Bambino, S. Andrea e
S. Giovanni Battista; alla sinistra dell'edicola
S. Pietro, XIV secolo.

2 - CHIESA DI S. ANDREA
Resti di un affresco, rinvenuti all’interno di una
nicchia sulla facciata, raffigurante S. Giuliano,
attribuito alla scuola del Signorelli, XVI secolo.
20 - CHIESA DI S. ANDREA
Cenotafio del beato Stefano Cuordiferro,
databile al XIV secolo
21 - CHIESA DI S. ANDREA
Dipinto su tavola, Madonna con Bambino,
XVIII secolo
22 - CHIESA DI S. ANDREA
Altare ligneo, forse proveniente da altra
chiesa, attribuito a I. Scalza, XVI secolo.
 
Pala d’altare, raffigurante S. Francesco
di Paola, attr. L. Mazzanti, XVIII secolo
23 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, S. Maria Egiziaca, XIV secolo
24 - CHIESA DI S. ANDREA
Pulpito. L'interno è composto da lastre in materiale lapideo di pregevole fattura, la prima delle quali, collocata sulla sinistra, presenta una decorazione databile al VIII sec.; le altre tre sono decorate da
motivi iconografici databili al VI
secolo, riconducibili allo stile
ravennate.
La decorazione esterna si compone
di quattro eleganti lastre decorate a
motivi cosmateschi, alternati a
quattro pilastrini, probabilmente
provenienti dall'antica chiesa; stile e manifattura l'opera si avvicina ai maestri marmolai di educazione romana, affini ai Vassalletto e ai Cosmati, del XII secolo.
25 - CHIESA DI S. ANDREA
Ingresso ai sotterranei
3 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, S. Cristoforo, XV secolo
4 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, Madonna in trono con Bambino, XIV secolo
5 - CHIESA DI S. ANDREA
Statua lignea di S. Andrea Apostolo, Mario Martini 1985
6 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, Agiografia di S. Giuliano l’Ospitaliere, attribuito alla scuola del Signorelli, XVI secolo
7 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, S. Giuliano l’Ospitaliere e S. Antonio Abate, attribuito alla scuola del Signorelli, XVI secolo
9 - CHIESA DI S. ANDREA
Acquasantiera, ambito di A. Federighi, 1513
8 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, S. Giuliano l’Ospitaliere e S. Antonio Abate, attribuito alla scuola del Signorelli, XVI secolo
8 - CHIESA DI S. ANDREA
Affresco, S. Giuliano l’Ospitaliere e S. Antonio Abate, attribuito alla scuola del Signorelli, XVI secolo